Archive for gennaio 22nd, 2021

gennaio 22, 2021

Se ti fermi al Le Croissant, spero che il tuo soggiorno sia meno drammatico del povero vecchio Signor Jaurès

Se vi trovate nel secondo arrondissement di Parigi vicino alla Borsa della metropolitana, potrebbe piacervi fare una deviazione per il Cafe Le Croissant (146, Rue Montmartre, Parigi 75002). Fu qui che il 31 luglio 1914, poco prima dello scoppio della guerra, il leader del partito socialista francese Jean Jaurès fu ucciso. Jean Jaurès era un pacifista e si era disperato per prevenire lo scoppio di quella che sarebbe stata la prima guerra mondiale.
Aveva incoraggiato gli scioperi generali dei lavoratori in Germania e Francia volti a costringere i loro governi a negoziare un accordo. Ahimè i suoi sforzi sono stati vani. Fu assalito da Raoul Villain, un nazionalista francese che fu controversamente assolto per l’omicidio dopo la guerra.
Un giornalista del Manchester Guardian era presente al bar al momento dell’assassinio che riferì il 1° agosto 1914: “Alle nove e mezza, quando stavamo appena terminando la cena, due colpi di pistola risuonarono improvvisamente nel ristorante.


….. abbiamo visto che M. Jaurès cadeva lateralmente sulla panchina su cui era seduto, e le urla delle donne che erano presenti ci hanno detto dell’omicidio….. M. Jaurès è stato colpito alla testa, e l’assassino deve aver tenuto la pistola vicino alla sua vittima. Un chirurgo fu convocato frettolosamente, ma non potè fare nulla, e M. Jaurès morì tranquillamente senza riprendere conoscenza pochi minuti dopo il crimine. Intanto l’omicida fu sequestrato e consegnato alla polizia, che ha dovuto proteggerlo dalla folla che si era subito raccolta in strada. A quell’ora della sera la Rue era piena di notiziari in attesa delle edizioni tardive dei giornali serali.

Se ti fermi al Le Croissant, spero che il tuo soggiorno sia meno drammatico del povero vecchio Jaurès.

Le Croissant con la targa in memoria di Jean Jaures

Non è certo comune, quando un partito politico si divide, vedere la maggioranza abbandonare il suo nome alla minoranza. Tuttavia, il giorno dopo il famoso Congresso di Tours, che ratificò, il 30 dicembre 1920, l’adesione del Partito Socialista alla Terza Internazionale, la nuova leadership si esprime come la Sezione francese dell’Internazionale Comunista. Il nome Partito Comunista, che non fu incluso nella risoluzione di Tours, fu imposto dal gennaio 1921 e divenne ufficiale nel dicembre dello stesso anno al congresso di Marsiglia, che fu quindi il primo congresso del Partito Comunista-SFIC. Lo SFIC (Section Française de l’Internationale Communiste), naturalmente, reclama i locali dell’ex partito, nel cuore del quartiere Marais, 37 rue Sainte-Croix-de-la-Bretonnerie, ma lascia il nome del partito socialista, la “vecchia casa” cara a Léon Blum. L’unica battaglia sul patrimonio, combattuta rapidamente, ha in gioco la proprietà del giornale di Jean Jaurès, Humanity. La maggioranza ha due uomini che possono rivendicare legittimità, Marcel Cachin, autore della mozione di adesione all’Internazionale Comunista, e Daniel Renoult, che era al tavolo Jaurès al Café du Croissant quando la tribuna socialista è stata abbattuta. Tuttavia, l’Humanity non era di proprietà del Partito Socialista, ma di una società, le cui azioni Jaurès aveva affidato a Zéphirin Cameélinat, ex tesoriere della Comune di Parigi, noto per la sua probità, perché si era rifiutato di dirottare l’oro dalla Banca di Francia agli insorti. Cameélinat, considerando che la maggioranza aveva parlato, consegnò a Marcel Cachin le azioni dell’ Humanity che, secondo i principi bolscevichi, divennero l’organo centrale dello SFIC.

Dalla sua nascita, nel 1921, il PC era una formazione eterogenea dove piccoli
borghesi pacifisti poterono affiancare sindacalisti rivoluzionari. Erano numerosi coloro che non
comprendevano pienamente le implicazioni della loro adesione al Komintern che, nello spazio
di qualche anno, modellò il partito per farne uno strumento docile di Mosca. Il segretario
generale Frossard lasciò il partito nel gennaio 1923, nel momento in cui veniva espulsa l’ala
destra. Il partito aveva già perso la metà dei suoi aderenti, ma la bolscevizzazione procedeva.
Nel 1924 amici e partigiani di Trotsky furono esclusi o si dimisero. In seguito, le ultime vestigia
dell’antica organizzazione socialista sparirono: la priorità fu data alla formazione di cellule nelle fabbriche a tal punto che il numero dei delegati crebbe allo stesso tempo della loro autorità. Il
partito si batteva con veemenza contro l’occupazione della Ruhr e più tardi contro la guerra
nelle Rif. La repressione contribuì a rinsaldare i ranghi, ma non la direzione. Nel 1926, il
bolscevizzatore Treint, sospettato di zinovievismo venne eliminato, cosi il “terzo periodo”
ebbe inizio: fu il momento della “classe contro classe” e dei violenti attacchi contro il PC.
Avventurismo e settarismo portarono a un secondo catastrofico declino del PC che contava
appena trentamila membri all’inizio del 1934, ma deteneva sempre delle roccaforti nella cintura
rossa di Parigi. Nel 1931 cominciò la scalata di Maurice Thorez, affiancato, tramite il Komintern,
da un collegio occulto di sorveglianza diretto dal cecoslovacco Fried (Clément), che non lascerà
Thorez fino alla Guerra. Thorez regnerà sul PC francese fino alla sua morte nel 1964. Sotto la
sua direzione, il PC opererà il grande rinvigorimento preconizzato dal Komintern e passerà da
una vigorosa propaganda antimilitarista a una politica di difesa nazionale. Alla fine del 1934
questo partito registrò un modesto aumento dei suoi aderenti, che divenne vertiginoso tra il
1936 e il 1938.

Il 7 settembre 1974 al concerto di Parigi, Parc de la Courneuve, Leonard Cohen ha eseguito “Beloved Comrade” per l’unica volta nella sua carriera. È significativo che il concerto facesse parte dell’annuale Fête de l’Humanité organizzata dal Parti communiste français (Partito comunista francese). Le parole d’apertura di Cohen (in francese) sono state: “Buona sera amici, cittadini, spie… angeli della pace e della violenza”. “Amato compagno” fu scritto nel 1945 da Lewis Allan (testo) e Fred Katz (musica) in risposta alla morte di Franklin Roosevelt o come omaggio ai caduti della brigata Abraham Lincoln nella guerra civile spagnola (le fonti variano). In ogni caso, la canzone è stata eseguita molte volte da entrambi i punti di vista.Leonard Cohen ha imparato la canzone per la prima volta da adolescente durante il campo estivo da The People’s Songbook, che è stata anche la sua fonte per “The Partisan”, “Kevin Barry”, “Solidarity” e altre canzoni.

La rarissima registrazione di Cohen quando canta Beloved Comrade (cit Allan Showalter)