Archive for marzo 17th, 2021

marzo 17, 2021

Linda and Richard Thompson

Il primo album di Richard e Linda Thompson, I Want to See the Bright Lights Tonight, fu registrato nel maggio 1973 in poco tempo e con un piccolo budget. In gran parte a causa della carenza di benzina in Gran Bretagna e del suo impatto sulla disponibilità di vinile per i dischi, Bright Lights fu bloccato dalla Island Records per quasi un anno prima di essere pubblicato nell’aprile 1974. L’album fu ben accolto dalla critica, anche se le vendite furono meno che stellari.
I testi di Thompson esprimevano una visione del mondo piuttosto lugubre, ed è stato suggerito che l’argomento cupo delle sue canzoni abbia contribuito a tenere le sue registrazioni fuori dalla hit parade. Una spiegazione più plausibile è stata data dall’ex-Island A&R man Richard Williams nel documentario della BBC TV del 2003 Solitary Life: Thompson semplicemente non era interessato alla fama e alle sue trappole.

I Thompson registrarono altri due album-Hokey Pokey e Pour Down Like Silver, entrambi pubblicati nel 1975, prima che Richard Thompson decidesse di lasciare il business della musica. La coppia si trasferì in una comunità Sufi nell’East Anglia.
All’inizio non era evidente dai loro dischi, ma i Thompson avevano abbracciato un filone esoterico sufi dell’Islam all’inizio del 1974. I Want to See the Bright Lights Tonight fu registrata prima di questa conversione, ma fu pubblicata in seguito. Le canzoni per il secondo album di Richard e Linda, Hokey Pokey, furono analogamente scritte un po’ di tempo prima della registrazione dell’album e della sua eventuale pubblicazione. Fu Pour Down Like Silver, con la sua foto di copertina di un Richard Thompson col turbante che guarda il mondo, che fece capire al pubblico la crescente preoccupazione dei Thompson per la loro fede.

Linda & Richard Thompson

La trilogia di album pubblicati da una parte e dall’altra del suo soggiorno nella comune fu pesantemente influenzata dalle credenze di Thompson e dalle scritture sufi, ma alla lunga le sue credenze religiose non hanno influenzato il suo lavoro in modo evidente. La prospettiva espressa nelle sue canzoni, il suo stile musicale, i temi affrontati dai suoi testi non hanno mostrato alcun cambiamento fondamentale.
Thompson iniziò a riavvicinarsi al mondo della musica professionale nel 1977. Era stato ospite in un album di Sandy Denny, aveva intrapreso un breve tour e aveva iniziato a registrare con un gruppo di musicisti che erano anche sufi. Thompson chiese a Joe Boyd di produrre queste sessioni, e due giorni furono spesi per le registrazioni iniziali. Boyd ricorda che le sessioni non furono un successo: “Era davvero, sentivo, molto povero. Non avevo molta fiducia nei musicisti con cui stava lavorando. L’atmosfera era molto strana e non sembrava funzionare”.

Sandy Denny

In questo periodo i Thompson e la loro famiglia si trasferirono fuori dalla comune e tornarono alla loro vecchia casa a Hampstead. Boyd aveva già invitato Richard Thompson a suonare nell’album di debutto di Julie Covington. Con il tempo libero in studio e i musicisti di sessione americani assunti per lavorare all’album della Covington disponibili, i Thompson tornarono in studio per registrare a proprio nome per la prima volta dopo tre anni.
L’album risultante, First Light, fu accolto calorosamente dalla critica ma non vendette particolarmente bene. Nemmeno il suo seguito, Sunnyvista del 1979, più duro e cinico. La Chrysalis Records non accettò l’opzione di rinnovare il contratto, e i Thompson si ritrovarono senza contratto, ma non senza ammiratori.

Gerry Rafferty aveva prenotato i Thompson come gruppo di supporto per il suo tour del 1980, e aveva anche usato Richard come session player nel suo album Night Owl. Rafferty si offrì di finanziare la registrazione di un nuovo album di Richard e Linda Thompson che avrebbe poi usato per assicurare un contratto ai Thompson. Richard Thompson cadde con Rafferty durante questo progetto e non fu contento del prodotto finito. Ciononostante Rafferty mantenne la sua parte dell’accordo e presentò l’album a diverse case discografiche – nessuna delle quali espresse interesse nel firmare i Thompson.
Rafferty non recuperò il suo investimento.

Circa un anno dopo Joe Boyd firmò i Thompson per la sua piccola etichetta Hannibal e fu registrato un nuovo album. Shoot Out the Lights includeva nuove registrazioni di molte delle canzoni registrate nel 1980. Linda Thompson era incinta al momento della registrazione, così l’uscita dell’album fu ritardata fino a quando poterono fare un tour dopo l’album. Problemi di respirazione derivanti dalla sua gravidanza significarono anche che Linda non poteva cantare la parte principale in alcune di queste canzoni come aveva fatto nei nastri demo e nelle registrazioni prodotte da Rafferty.
Come misura provvisoria, Richard Thompson decise di organizzare un tour di basso profilo negli Stati Uniti. Questo tour fu organizzato da Nancy Covey che era stata nel Regno Unito nel 1981 cercando di ingaggiare Thompson per suonare nel famoso negozio di chitarre McCabe’s a Santa Monica. Durante questo tour Thompson e la Covey si avvicinarono sempre di più, e nel dicembre 1981 Richard e Linda Thompson si separarono.
Alla sua uscita nel 1982, Shoot Out the Lights fu lodato dalla critica e vendette abbastanza bene – specialmente negli Stati Uniti.
I Thompson, ora una coppia solo per scopi professionali, fecero un tour negli Stati Uniti per supportare l’album e poi presero strade diverse. Sia l’album che i loro spettacoli dal vivo furono ben accolti dai media americani, e Shoot Out the Lights rilanciò efficacemente la loro carriera – proprio mentre il loro matrimonio stava andando in pezzi. Le performance erano molto forti ma la tensione tra Richard e Linda era fin troppo evidente.