Da una canzone di Woody Guthrie, Ludlow Massacre

Howard Zinn apprese per la prima volta del massacro di Ludlow da una canzone di Woody Guthrie, che Zinn dice: “nessuno aveva mai menzionato in nessuno dei miei corsi di storia”.

Parole e musica di Woody Guthrie

Era l’inizio della primavera quando lo sciopero era in corso,

ci hanno cacciato i minatori fuori dalle porte,

fuori dalle case che la Compagnia possedeva,

ci siamo trasferiti in tende al vecchio Ludlow.

Ero preoccupato per i miei figli,

soldati a guardia del ponte della ferrovia,

ogni tanto un proiettile volava,

calciava la ghiaia sotto i miei piedi.

Avevamo così paura che avresti ucciso i nostri figli,

ci abbiamo scavato una grotta che era profonda sette piedi,

abbiamo portato i nostri piccoli e le donne

incinte giù all’interno della grotta per dormire.

Quella stessa notte i tuoi soldati aspettarono,

finché tutti noi minatori non dormimmo,

Tu ti intrufoli nella nostra piccola tendopoli,

inzuppato le nostre tende con il tuo cherosene.

Howard Zinn è stato uno storico, autore, professore, drammaturgo e attivista. Il lavoro della sua vita si è concentrato su una vasta gamma di questioni tra cui razza, classe, guerra e storia, e ha toccato le vite di innumerevoli persone.
Zinn è cresciuto a Brooklyn in una famiglia di immigrati della classe operaia. A 18 anni divenne operaio in un cantiere navale e poi si arruolò nell’aviazione e volò in missioni di bombardamento durante la seconda guerra mondiale. Queste esperienze contribuirono a formare la sua opposizione alla guerra e la sua forte convinzione dell’importanza di conoscere la storia.
Dopo aver frequentato il college con il G.I. Bill, ha lavorato come caricatore di magazzino mentre stava ottenendo un dottorato in storia alla Columbia University. Dal 1956 al 1963, ha insegnato allo Spelman College di Atlanta, GA, dove è diventato attivo nel movimento per i diritti civili. Dopo essere stato licenziato dallo Spelman per il suo sostegno agli studenti manifestanti, Zinn divenne professore di scienze politiche alla Boston University, dove insegnò fino al suo pensionamento nel 1988.
Zinn è stato autore di decine di libri, tra cui A People’s History of the United States, l’opera teatrale Marx in Soho, Vietnam: The Logic of Withdrawal, e SNCC: The New Abolitionists. Ha ricevuto molti premi tra cui il Lannan Foundation Literary Award for Nonfiction, il premio Eugene V. Debs per la sua scrittura e il suo attivismo politico e il Ridenhour Courage Prize.

Poco dopo l’insediamento di Woodrow Wilson iniziò in Colorado una delle lotte più aspre e violente tra lavoratori e capitale aziendale nella storia del paese.

Questo fu lo sciopero del carbone del Colorado che iniziò nel settembre 1913 e culminò nel “Massacro di Ludlow” dell’aprile 1914. Undicimila minatori nel sud del Colorado … lavorava per la Colorado Fuel & Iron Corporation, che era di proprietà della famiglia Rockefeller. Eccitati dall’omicidio di uno dei loro organizzatori, entrarono in sciopero contro i bassi salari, le condizioni pericolose e il dominio feudale delle loro vite in città completamente controllate dalle compagnie minerarie. …

Quando è iniziato lo sciopero, i minatori sono stati immediatamente sfrattati dalle loro baracche nelle città minerarie. Aiutati dal sindacato United Mine Workers, montarono tende sulle colline vicine e portarono avanti lo sciopero, il picchettaggio, da queste colonie di tende.

Famiglie a Ludlow poco prima del massacro del 20 aprile 1914.

Gli uomini armati assoldati dagli interessi Rockefeller – la Baldwin-Felts Detective Agency – usando pistole e fucili Gatling, fecero irruzione nelle colonie di tende. La lista di morte dei minatori crebbe, ma resistettero, respinsero un treno blindato in uno scontro a fuoco, combatterono per tenere fuori gli scioperanti. Con i minatori che resistevano, rifiutandosi di cedere, le miniere non potevano funzionare, il governatore del Colorado (indicato da un direttore della miniera Rockefeller come “il nostro piccolo governatore cowboy”) chiamò la Guardia Nazionale, con i Rockefeller che fornivano i salari della Guardia.

I minatori in un primo momento pensarono che la Guardia fosse stata inviata per proteggerli e salutarono il suo arrivo con bandiere e applausi. Presto scoprirono che la Guardia era lì per distruggere la tendopoli. La Guardia portò via gli scioperanti di notte, non dicendo loro che c’era una ragione. Le guardie picchiavano i minatori, li arrestavano a centinaia, scendevano con i loro cavalli tra le sfilate di donne nelle strade di Trinidad, la città centrale della zona. E ancora i minatori si rifiutarono di cedere. Quando durarono per tutto il freddo inverno del 1913-1914, divenne chiaro che sarebbero state necessarie misure straordinarie per interrompere lo sciopero.

Nell’aprile del 1914, due compagnie della Guardia Nazionale erano di stanza sulle colline che dominavano la più grande colonia di tende di scioperanti, quella di Ludlow, che ospitava un migliaio di uomini, donne, bambini. La mattina del 20 aprile è iniziato un attacco di mitragliatrice alle tende. I minatori hanno risposto al fuoco. Il loro leader, …, fu attirato sulle colline per discutere di una tregua, poi fucilato a morte da una compagnia di guardie nazionali. Le donne e i bambini hanno scavato buche sotto le tende per sfuggire agli spari. Al crepuscolo, la Guardia scese dalle colline con le torce, diede fuoco alle tende e le famiglie fuggirono sulle colline; tredici persone sono state uccise da colpi di arma da fuoco.

Il giorno seguente, un guardalinee telefonico che attraversava le rovine della colonia di tende di Ludlow sollevò una culla di ferro che copriva una fossa in una delle tende e trovò i corpi carbonizzati e contorti di undici bambini e due donne. Questo divenne noto come il massacro di Ludlow.

Aprile 2014
Il massacro, 20 aprile 2014

La notizia si diffuse rapidamente in tutto il paese. A Denver, gli United Mine Workers hanno emesso una “Call to Arms”: “Riunire per scopi difensivi tutte le armi e le munizioni legalmente disponibili”. Trecento scioperanti armati marciarono da altre colonie di tende nell’area di Ludlow, tagliarono i fili del telefono e del telegrafo e si prepararono per la battaglia. I ferrovieri si rifiutarono di portare i soldati da Trinidad a Ludlow. A Colorado Springs, trecento minatori sindacali lasciarono il loro lavoro e si diressero verso il distretto di Trinidad, portando revolver, fucili, fucili.

Nella stessa Trinidad, i minatori hanno partecipato a un servizio funebre per i ventisei morti a Ludlow, poi hanno camminato dal funerale a un edificio vicino, dove le armi sono state accatastate per loro. Raccolsero fucili e si spostarono sulle colline, distruggendo mine, uccidendo guardie minerarie, facendo esplodere pozzi minerari. La stampa ha riferito che “le colline in ogni direzione sembrano improvvisamente essere vive di uomini”.

A Denver, ottantadue soldati di una compagnia su un treno di truppe diretto a Trinidad si rifiutarono di andare. La stampa ha riferito: “Gli uomini hanno dichiarato che non si sarebbero impegnati nella fucilazione di donne e bambini. Hanno sibilato i 350 uomini che hanno iniziato e hanno gridato loro imprecazioni”.

Cinquemila persone hanno manifestato sotto la pioggia sul prato di fronte alla capitale dello stato a Denver chiedendo che gli ufficiali della Guardia Nazionale a Ludlow fossero processati per omicidio, denunciando il governatore. La Denver Cigar Makers Union votò per inviare cinquecento uomini armati a Ludlow e Trinidad. Le donne della United Garment Workers Union di Denver hanno annunciato che quattrocento dei loro membri si erano offerti volontari come infermieri per aiutare gli scioperanti.

In tutto il paese ci sono stati incontri, manifestazioni. I picchetti marciarono davanti all’ufficio Rockefeller al 26 di Broadway, New York City. Un ministro protestò davanti alla chiesa dove Rockefeller a volte teneva sermoni, e fu bastonato dalla polizia.

Il New York Times ha pubblicato un editoriale sugli eventi in Colorado, che non stavano attirando l’attenzione internazionale. L’enfasi del Times non era sull’atrocità che si era verificata, ma sull’errore nelle tattiche che erano state fatte. Il suo editoriale sul massacro di Ludlow iniziava: “Qualcuno ha sbagliato …” Due giorni dopo, con i minatori armati e sulle colline del distretto minerario, il Times scrisse: “Con le armi più letali della civiltà nelle mani di uomini dalla mente selvaggia, non si può dire fino a che punto durerà la guerra in Colorado a meno che non venga sedata con la forza … Il presidente dovrebbe rivolgere la sua attenzione dal Messico abbastanza a lungo da prendere misure severe in Colorado”.

Il governatore del Colorado chiese alle truppe federali di ripristinare l’ordine, e Woodrow Wilson acconsentì. Questo ha fatto, lo sciopero si è esaurito. Le commissioni del Congresso sono entrate e hanno preso migliaia di pagine di testimonianze. Il sindacato non aveva ottenuto riconoscimenti. Sessantasei uomini, donne e bambini erano stati uccisi. Nessun miliziano o guardia antimine era stato incriminato per crimine.

Il Times aveva fatto riferimento al Messico. La mattina in cui i corpi furono scoperti nella tenda di Ludlow, le navi da guerra americane stavano attaccando Vera Cruz, una città sulla costa del Messico – bombardandola, occupandola, lasciando un centinaio di messicani morti – perché il Messico aveva arrestato marinai americani e si era rifiutato di scusarsi con gli Stati Uniti con un saluto di ventuno pistole. Il fervore patriottico e lo spirito militare potrebbero coprire la lotta di classe? La disoccupazione, i tempi difficili, stavano crescendo nel 1914. Le armi potrebbero distogliere l’attenzione e creare un certo consenso nazionale contro un nemico esterno? Sicuramente è stata una coincidenza: il bombardamento di Vera Cruz, l’attacco alla colonia di Ludlow. O forse era, come qualcuno una volta descrisse la storia umana, “la selezione naturale degli incidenti”. Forse la vicenda in Messico è stata una risposta istintiva del sistema per la propria sopravvivenza, per creare un’unità di scopo combattivo tra un popolo lacerato da conflitti interni.

Il bombardamento di Vera Cruz è stato un piccolo incidente. Ma in quattro mesi la prima guerra mondiale sarebbe iniziata in Europa.


Fonte:A People’s History of the United States Foto Colorado Coal Field War Project

Ludlow Massacre è l’undicesima traccia dell'”album” Struggle della Folkways Records, pubblicato come LP in vinile (catalogo n. FA 2485) nel 1976 e come CD nel 1990. Contiene registrazioni dell’artista folk Woody Guthrie, accompagnato in alcuni brani da Cisco Houston e Sonny Terry. Le canzoni di questo album sono comunemente indicate come musica di protesta, canzoni che sono associate ad un movimento per il cambiamento sociale.

Il disco del 1976 contiene un libretto di 12 pagine contenente i testi completi di ogni canzone e storie dettagliate su molte di esse. Su insistenza di Woody ci dovevano essere una serie di dischi che rappresentassero la lotta dei lavoratori nel portare alla luce la loro lotta per un posto nell’America che essi immaginavano.

L’album è dedicato a Marjorie Guthrie e Pete Seeger.

Gloria Berloso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: